Le Nostre Recensioni

Lettori fissi

La mia peggior rivalsa di Claire Bizet -Segnalazione-

Titolo: La mia peggior rivalsa
Autrice: Claire Bizet
Editore: self publishing
Genere: contemporary romance
Data di pubblicazione: Gennaio 2018



Sinossi:

Voglio lui.
Voglio saziarmi del suo sapore.
Voglio perdermi tra le sue braccia.

Si dice che ogni fine sancisca un nuovo inizio.
Mi chiamo Patricia Bale e mi sono persa.
Quando mi hanno licenziata, ho deciso di concedermi una vacanza a Siracusa e ho raggiunto i miei
zii, ma non avevo fatto i conti con il destino che spesso si diverte a rimescolare le carte.
Sono stata sopraffatta dalle lucenti fiamme dell’inferno, che prima ammaliano e poi distruggono.
Ho seguito il mio istinto e mi sono concessa una passione travolgente.
Ero una donna sicura.
Ero una donna coraggiosa.
Ero una donna intraprendente.
Ora sono solo una donna che ama talmente tanto la vita da restarne aggrappata a tutti i costi.


PROLOGO

Tante volte mi sono ritrovata ad ascoltare il telegiornale. Troppe volte ho sentito delle notizie che mi hanno
fatto accapponare la pelle e mi sono immedesimata in quanto donna. Ho provato rabbia e tristezza per chi era
stata costretta a subire l’indicibile, e avrei voluto consolarle, render loro giustizia perché la legge gli ha voltato le
spalle.
Ho pensato di riuscire a comprendere come potessero sentirsi.
Usate. Umiliate. Sole.
Ma la verità è che non ne ho la più pallida idea. Nessuno ne ha. Tranne loro.
Spesso si è convinti di conoscere il dolore provato da chi l’incubo l’ha vissuto, ma ci si sbaglia perché è mille
volte maggiore.
È un deserto arido che ti lascia morire lentamente, che ogni tanto ti concede qualche goccia d’acqua, solo per
prolungare la tua sofferenza e bearsene prima di farti fuori.
È vedersi svuotate di ogni briciolo di vita, non riuscendo più a riappropriarsene.
È sprofondare nell’abisso più cupo, trascinata da colui a cui avevi dato fiducia, affidandogli il tuo cuore.
Non basta sentirne parlare, no. Stupidamente pensiamo che il peggio tocchi solo agli altri, come se noi
fossimo protetti da una bolla magica, immuni alla cattiveria. Tendiamo a sottovalutare i campanelli d’allarme, a
giustificare l’ingiustificabile.
Non esiste errore più grande.
Il male è sempre in agguato, pronto a colpire indistintamente, senza preavvisi né sconti. Dobbiamo carpirne i
segnali in tempo e scappare prima che sia troppo tardi.


Commenti

Post popolari in questo blog

La melodia delle piccole cose di Carlotta Pugi - Recensione -

Le ombre del cuore di Alessia Lo Bianco - Recensione in Anteprima -

Luce tra le ombre (Shatterprof Bond Vol.2) di Isobel Starling - Segnalazione -