Le Nostre Recensioni

Lettori fissi

Non riesco a dimenticarti (The Fall Away series vol.4) di Penelope Douglas -Recensione-

Serie: The Fall Away series vol.4
Autore: Penelope Douglas
Editore: Newton Compton Editori
Genere: romazi rosa 
Amazon


Sinossi
«Questo è il libro di cui sono più orgogliosa.»
L’autrice

The Fall Away Series

K.C. Carter si è cacciata nei guai con la legge e adesso è costretta a trascorrere l’estate nel paesino in cui è nata, Shelburne Falls, per adempiere ai servizi utili alla comunità: così ha ordinato il tribunale. Ma non è l’unica difficoltà a cui deve far fronte al suo arrivo: al nome di Jaxon Trent risponde il peggior tipo di tentazione che si possa immaginare, ed è esattamente ciò da cui K.C. è riuscita a stare lontana fin dai tempi del liceo. Lui però non l’ha mai dimenticata, anche perché è l’unica ragazza a non essere mai uscita con lui e ad avergli detto sempre di no. Jaxon è un tipo pericoloso sul serio, ma tra lui e K.C. l’attrazione è talmente forte che resistere diventa quasi impossibile…

Dall'autrice del bestseller Mai per amore
N°1 in America
Tornare indietro è difficile, ma stare lontani è impossibile
L’autrice dice del suo libro:
«Ogni sussurro, ogni respiro, ogni bacio, e ogni parola è nata nella parte più profonda di me. Questo è il libro di cui sono più orgogliosa.»



Penelope Douglas
vive e insegna a Las Vegas. Nata a Dubuque, Iowa, ha conseguito una laurea in Amministrazione pubblica, poi un Master in Scienza dell’educazione alla Loyola University di New Orleans. La Newton Compton ha già pubblicato Mai per amore, Da quando ci sei tu e La mia meravigliosa rivincita.


Sedotti eccovi il  quarto libro della serie Fall Away della Douglas. Un  romanzo un po drammatico. La scrittrice amplifica il dramma, l'angoscia, le costanti emotive e il sesso per portare il lettore con il fiato sospeso fino alla fine. 
La Douglas ripropone una storia d'amore tra due anime danneggiate che lottano contro l'attrazione. Anche se in alcuni punti allegria, ironia e umorismo aiutano a bilanciare l'oscurità della storia.
“Juliet, puoi servire Dio, servire la patria, o servire quelli che ami, ma per trovare la vera felicità devi sempre servire qualcosa o qualcun altro oltre a te stessa”.

Questa è la storia di KC Carter più che di Jaxon
Trent .
Inizialmente l'abbiamo conosciuta come una principessina, ricca e un po snob ma presto impariamo che la vita di KC è una bugia e non ha avuto un momento facile. Non era perfetta e faceva anche cose stupide nei libri precedenti ma  Se riusciamo a perdonare Jared per essere stato un gigantesco Stroxx nei confornti di Tate, allora penso che possiamo perdonare KC per la sua piccola cattiveria dei primi libri.
Inoltre qui la troveremo cambiata e soprattuto cresciuta.

Si troverà costretta a tornare nella sua vecchia cittadina per dei problemi con la legge e non volondo stare a casa con sua madre, KC va nella vecchia casa di Tate. Jax vive nella vecchia casa di Jared. C'è una brutta animosità tra Jax e KC. Si vogliono l'un l'altro ma si trattano in modo abominevole. Soprattutto Jax. Le sue armi sono molto più affilate e mortali di quelle di KC.

Suona familiare?

Il loro primo incontro è come un deja vu. KC arriva a lamentarsi del rumore di una festa a casa di Jax e "salva" sua cugina. Jax risponde facendo commenti inappropriati e poi insultandola.
Bhè insomma qualcosa che abbiamo già letto anche se sono sincera, persino le personalità e le azioni di Jax e KC rispecchiano Tate e Jared in determinate situazioni.


Mentre la storia avanza, la scrittrice esplora le dinamiche che compongono Jax e KC. Scava in profondità nella loro psiche e trascina fuori i loro demoni. Sappiamo già quali sono i problemi di Jax. Cresciuto da un padre violento, è stato costretto a situazioni che nessun bambino dovrebbe attraversare. Fatto sentire inutile e meno che umano. Il suo modo di adattarsi è iniziare a lavorare per il padre di Fallon, un uomo dall'etica e dal lavoro discutibile . Usando i suoi talenti per raccogliere informazioni e guadagnare ingenti somme di denaro, Jax ha il controllo sulla sua vita di tutto ciò cui ha bisogno. Non tornerà mai più a vivere della pietà di nessuno e sopratutto alla disperata ricerca dell'amore.
"Volevo ciò che aveva mio fratello e ciò che aveva Madoc. Volevo entrare in intimità con qualcuno. Vedevo il modo in cui mio fratello amava Tate. Come le sorrideva, anche quando lei era di spalle e non poteva accorgersene. Come cercasse sempre una scusa per toccarla. E il modo in cui chiudeva gli occhi, quando la stringeva, quasi avesse appena trovato una zattera di salvataggio in mezzo all’oceano. Vedevo Madoc, e il modo in cui amava Fallon. Come non riuscisse a staccarle gli occhi di dosso. Come ogni volta che doveva allontanarsi per parlare con qualcuno, per andare a prendere da bere, per fare qualunque cosa, dovesse prenderla per mano e trascinarla con sé, quasi lei fosse una specie di appendice del suo corpo. E come si fermasse nel bel mezzo di una conversazione per baciarla appassionatamente."
 I demoni di KC sono diversi ma altrettanto strazianti. Impariamo che la sua infanzia è stata difficile sia mentalmente che fisicamente. Segnata da una tragedia, è come se vivesse una vita non sua e  quando va al college inizia a capire che vivere così non è affatto vita.
Dovrete leggere per poter capire meglio le difficoltà di entrambi perché davvero hanno un triste e doloroso passato sicuramente peggiore di tutti i protagonisti già letti nei capitoli precedenti della serie.
Entrambi affrontano i loro problemi in modi diversi. La chimica tra loro è esplosiva. L'antagonismo funziona come un afrodisiaco con questa coppia.  
"«Jared guarda Tate così», continuò. «Madoc guarda Fallon così. Nel corso degli anni, avrei scaricato qualsiasi ragazza pur di vederti così bella come sei ora»...
«Ho tanto da darti, Juliet, a te soltanto, quindi smettila di farti idee strane che non corrispondono alla realtà». Basta stronzate. Sapevo quello che volevo e lo ottenevo sempre."

Anche se delle volte un eccessivo tira e molla nella storia ha esasperato ma alla fine Jax non sarà disposto a rinunciare.
Juliet
  «Tu mi hai salvato, e io ti amo!». Ogni muscolo del mio corpo era in tensione. «Sei la cosa più bella che mi sia mai successa! La cosa più bella di tutta la mia vita, cazzo!». Completamente fuori di me, gli diedi uno schiaffo sul braccio. Lui trasalì, ma non reagì. «E non mi vuoi», lo colpii di nuovo, «quindi smettila di prenderti cura di me!», gli ordinai. «Riprenditi i soldi della retta», strillai, picchiandolo con tutta la forza che avevo, «e togliti dai coglioni».

Il cast secondario è composto da quasi tutti quelli che abbiamo incontrato nella serie e mi è piaciuto vedere come sono maturati e sono andati avanti con le loro vite.

Il papà di Tate secondo me è uno dei personaggi più solidi e molto fondamentali in tutta la serie e anche qui dà a KC la guida, l'affetto e la protezione dei genitori di cui lei aveva disperatamente bisogno.  
Jax
"«Voglio te, perché solo quando sono con te so di essere esattamente dove vorrei, Juliet». Lei si voltò dall’altra parte, le lacrime che le rigavano le guance. «No». «Lo senti anche tu», insistetti, costringendola ad ascoltarmi. «Non voglio tenerti per mano», le dissi. «Non voglio che mi ami. Vieni quando ti chiamo, entra nel mio letto quando te lo dico io». Le tremarono le labbra e cercò di allontanarsi da me. «E ci sarai solo tu», le promisi"




The Fall Away Series :


  1. Mai per amore
  2. Da quando ci sei tu
  3. La mia meravigliosa rivincita
  4. Non riesco a dimenticarti
  5. Odiami come io ti amo

Commenti

Post popolari in questo blog

E' tutto qui di Melissa Pratelli -Recensione-

Wild Lake di Bianca Ferrari -Recensione-

Odyssea, Oltre il coraggio del sacrificio (Vol.4) di Amabile Giusti - Recensione -