Le Nostre Recensioni

Lettori fissi

Un battito per noi di Layla Tales -Recensione-

Serie:  Al ritmo del cuore #3
Autore: Layla Tales
Editore: Self Publishing
Genere: Romanzo rosa

Amazon

Sinossi


«Chiedimi di salire da te. Chiedimelo Silvia».
«Non pensavo tenente che sapesse implorare».
Ha ragione, uno come me non ne ha bisogno. Ho sempre preso quello che volevo perché mi viene offerto su un piatto d'argento. Ma stranamente il mio ego non si sente infastidito dal suo possibile rifiuto, anzi tutto questo mi eccita, la sua sfida mi spinge a cercare di più. Cosa sia questo “più” non lo so ancora, ma se dovesse aiutarmi a cancellare la nottata e i miei incubi, le direi che ho bisogno di lei in tutte le lingue del mondo.
«Dipende dalla situazione. E con te, ne vale la pena».

Due eroi feriti e inconsapevoli. Due anime che si cercano in una storia che sa di amore, passione, paura, coraggio e di splendide seconde possibilità.

Sedotti oggi vi parlo del terzo libro sella serie Al ritmo del cuore di Layla Tales.
Serie di libri auto-conclusivi e in questo troviamo come protagonista Silvia e Davide.

Lei è una donna in carriera una stilista che sta cercando di farsi notare nella Milano Style che conta.
Lui un uomo tutto d’un pezzo, un militare convinto.
Un incontro quasi infuocato e tra i due scoccherà la scintilla?

Silvia simpatica e con un carattere deciso forte sa quello che vuole dalla vita e sicuramente non sogna più un abito bianco e un principe che la salvi, per questo non chiede ad un uomo quello che pensa non possa darle se non una notte di passione e basta.
"Mi fermo davanti alla macchina. «Bene, io di certo non sono un’adulatrice , non dico gentilezze e sono per la maggior parte del tempo una stronza. Ma sono sincera, quindi quando vuoi...»."

Impegnata ad emergere nella azienda di moda dove lavora come stagista non ha spazio per una relazione e figuriamoci per l’amore. Nonostante non sia una di quelle donne pazze furiose con in testa solo il lavoro, no! sa anche divertirsi e stare con i suoi amici: la sua coinquilina, una pazza orientale di nome Mei che vi farà morire dal ridere ed è assolutamente adorabile e un super  ragazzo gay collega di lavoro, leale e stronzo al punto giusto ma che la salverà spesso dai guai!
Io li ho adorati!!!
E finalmente in questa storia non c’è la stronza di turno che spesso viene a mettere zizzania.
In effetti non ho trovato personaggi cattivi ma tutti veri e reali che con i loro difetti riuscivano benissimo a cacciarsi in situazioni disastrose da soli.
Davide, militare di professione e nell'animo cresciuto da una mamma adorabile e un padre rigido e severo anch'egli militare di professione è, come vi dicevo, un uomo tutto d’un pezzo che nonostante le brutture della guerra riesce a vivere una vita quasi normale quando non è in missione.

"Ed è per questo che odio mio padre, perché non me lo aveva detto. Si è sempre limitato a parlare di tricolore, di giustizia, di fedeltà ed è una gran bella bugia. La guerra è guerra, vinti o vincitori sono uomini e la morte è lì che t’aspetta minacciosa, non gli importa per chi o cosa stai combattendo."
Ovviamente visto il suo lavoro, non vuole legami e non ha scheletri nell'armadio, ma il suo dover essere sempre assente per missioni pericolose lo porta a non volersi legare a nessuno.
Tutto questo lo porta ad essere solo lui e la sua divisa, e donne di una sola notte.
Quando incontrerà Silvia, entrambi convinti di volere solo una notte di sesso, solo quello che hanno sempre cercato in una donna o un uomo e cioè il piacere di una notte senza legami, forse qualcosa che nasce tra i due li porterà a riflettere e tanto.
Cosa succederà tra i due?

Sarà amore a prima vista?


«Mi desideri?» «Che c'entra?» «Rispondimi. Perché sai, io non faccio altro che pensare a te. Tra due giorni devo partire, ho una missione ma tu non esci dalla mia testa. Devo averti. Quindi detta pure le tue condizioni».
Beh assolutamente  no! Se ne vedranno delle belle.
Riusciranno ad incasinarsi la vita questi due da soli come pochi, con incomprensioni all'ordine del giorno e sfortunati eventi.
«Mi hai fottuto il cervello da quando ti ho vista al bar quella prima sera».

Ho apprezzato molto i caratteri dei protagonisti e dei non protagonisti.
Tutti molto reali e veri che affrontano drammi e situazioni reali sbagliando o anche no ma comunque affrontando tutto in maniera realistica.
Ho amato assolutamente Silvia, un carattere forte ma non solo questo. Un personaggio con cui possiamo tranquillamente riconoscerci.


Dovrei ammettere che mi fa uscire fuori di testa e che mi incasina la vita, me la rigira a suo piacimento, su e giù a destra e a manca, stropicciandola come meglio vuole.


Davide nel suo modo di essere non è quel militare quadrato con un solo modo di pensare ma è in grado di rimettersi in gioco di sbagliare, di rialzarsi e non aver paura di parlare di sé e chiedere aiuto. 
( finalmente un uomo quasi normale e reale con pregi e difetti  e non uno di quelli che ultimamente vanno di moda nei romanzi di oggi, tutto potere e testosterone. Anche se qui il bel militare ne ha di testosterone ed ego da vendere.)
«Promettimi di provarci con lui, Silvia. Ha bisogno di te più di quanto sia disposto ad ammettere». Sussurra quelle parole e il mio respiro si spezza. Posso promettere una cosa che non sono sicura di saper fare? «Io non posso...». Riesco a leggere lo sconforto sul viso di quel gigante, che ora è solo un padre preoccupato. «Provaci ragazza. Nessuno ha mai potuto far qualcosa per lui, ma tu riesci a toccarlo».

Scritto a pov alterni in maniera fluida e appassionante..qualche piccolo refuso non pregiudica assolutamente la storia, tutto condito con momenti e frasi assolutamente leggeri che riescono a non appesantire il libro nonostante si tratti al suo interno la storia più triste e difficile del mondo: la guerra.
"Recito come un bravo scolaretto la buonanotte a Silvia e sbatto la testa al muro. E ora che cazzo faccio? Sono diventato isterico e sembro una donna mestruata, come direbbe lei."
Assolutamente sedotta da questo libro e sinceramente ora sono troppo curiosa di leggere anche i precedenti libri della serie che se non avete letto vi consiglio di farlo perché da questo terzo libro posso dire che sicuramente anche gli altri personaggi hanno tanto da raccontare. 
Ovviamente se leggerete questo terzo volume per procedere a ritroso nella trilogia sicuramente vi spoilererete qualcosa dei precedenti, visto che qui comunque gli altri personaggi sono presenti con le loro vite andate avanti, anche se molto  a margine.


"Dall'autrice:
I miei due protagonisti, Silvia e Davide, sono talmente veri da poterli toccare con mano. Sono imperfetti, capricciosi ma assolutamente adorabili. Ci si affeziona a loro, ai loro scontri, alle loro incomprensioni. Si sogna insieme a loro, si piange con loro. Le delusioni e le ferite che li caratterizzano sono le stesse paure che ci limitano nelle scelte quotidiane: il timore di crescere, di soffrire, di non essere mai abbastanza"



Serie Al ritmo del cuore:
  1. La direzione di un battito
  2. Il tempo di un battito
  3. Un battito per noi


Commenti

Post popolari in questo blog

Il Viandante (The Traveling Vol.1) di Jane Harvey-Berrick - Recensione -

Sospiri nel buio (KGI Series vol.4) di Maya Banks -recensione-

Come inciampare nel principe azzurro di Anna Premoli - Recensione -