Le Nostre Recensioni

Lettori fissi

L'infinito tra me e te di Mariana Zapata - Recensione in Anteprima -

Serie: -
Autore: Mariana Zapata
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Contemporary Romance, Romanzi Rosa
Amazon


Sinossi

Vanessa Mazur sa che sta facendo la cosa giusta. Non ha alcuna intenzione di sentirsi in colpa per aver mollato. Il lavoro di assistente tuttofare di Aidan Graves è sempre stato un impiego temporaneo. Lei ha altri piani per il futuro, ha delle ambizioni, e di certo non comprendono il ruolo di fatina personale di una star del football. E allora perché quando Aidan si presenta alla sua porta, pregandola di ripensarci, Vanessa esita? Per due anni, l'uomo che le televisioni chiamano "il muro di Winnipeg" è stato il suo incubo: neanche un buongiorno al mattino, o un sorriso il giorno del suo compleanno. Era talmente concentrato sullo sport che sembrava non accorgersi nemmeno di chi o cosa lo circondasse. Cos'è cambiato, allora? Quello che Aidan chiede, per Vanessa è semplicemente incomprensibile. Dopo il modo in cui è stata trattata, lei desidera solo dedicarsi alla sua vera passione, il design, e lasciarsi alle spalle l'indifferenza. La perseveranza di Aidan sarà in grado di farle cambiare idea? In questo genere di partite, segnare un punto richiede pazienza, gioco di squadra e una buona dose di determinazione.


Buongiorno Sedotte! Finalmente la Newton ha fatto approdare anche in Italia questa bravissima autrice. Non è la prima storia che leggo di Mariana Zapata quindi sapevo già cosa potevo aspettarmi da lei. L’adoro, e fin dal primo libro che ho letto sono rimasta incantata dal suo stile, dal modo di non avere un innamoramento dei protagonisti veloce come purtroppo accade troppo spesso (che questa cosa proprio non la sopporto). No, lei li fa diventare amici poco a poco, fa crescere la tensione dei personaggi e poi verso la fine del romanzo crea la coppia. Però non fatevi fermare da questo fattore, l’autrice è fenomenale con la sua scrittura che fa crescere il romanzo lentamente, lo fa gustare poco a poco. 

In questa storia siamo di fronte a due protagonisti ben delineati e molto forti anche se sotto sotto hanno le loro fragilità. Vanessa è una super donna, all’inizio del romanzo è l’assistente/colf/tutto fare di Aiden, ma quando vede che la tratta come uno zerbino e che non viene neanche considerata, decide di licenziarsi. A quel punto Aiden capisce quanto Vanessa lo ha aiutato negli ultimi due anni, così cerca in tutti i modi di riprendersela. Ma non è finita qui, lui le fa anche una proposta che lei non potrà proprio rifiutare. Così, Vanessa ritorna e nasce una bella amicizia che poi cambierà le carte in tavola. 
Vanessa l’ho adorata, tanto che in certi suoi comportamenti mi ci sono molto ritrovata. È una donna che si porta sulle spalle un bel bagaglio, è una ragazza “normale” ma con un caratterino tutto pepe. Non va assolutamente d’accordo con le sue sorelle, soprattutto con una che appena può le mette i bastoni tra le gambe. Ho amato quando Aiden scopre certe cose su di lei e sulle persone che le hanno sempre provocato delle ferite interiori, a tal punto di cercare di difenderla da tutti e da tutto. Anche Aiden, come Vanessa, ha avuto una vita non troppo facile. Sembra il classico uomo duro, è chiamato “il muro di Winnipeg” con tutti i muscoli che si ritrova e anche perché è uno dei difensori più bravi del football, ma sotto sotto è buono come il pane. Io li ho adorati, il loro crescendo è stato veramente una bella scoperta.

Come vi dicevo, non fermatevi subito perché non è un romanzo dove già nella prima parte ci sono scene d’amore. No, leggetelo e adoratelo poco a poco anche se all’inizio può risultare lento. Io spero che la Newton faccia uscire altri libri della Zapata, adoro proprio come imposta le storie!

Beh, quindi posso solo dirvi che lo consiglio!




Commenti

Post popolari in questo blog

Chiaro di luna a Manhattan (Da Manhattan con amore Vol.6) di Sarah Morgan - Recensione -

Ash di Daniela Ruggero - Recensione in Anteprima -

Impudente e malizioso (Wynette Texas Vol.2) di Susan Elizabeth Phillips - Recensione -