Le Nostre Recensioni

Lettori fissi

A carte scoperte di Marni Mann -Recensione-

Serie: -
Autore: Marni Mann
Editore Quixote Edizioni
Genere: romanzi rosa


Sinossi

Non mi picchiava perché pensava che avessi messo gli occhi su sua figlia. Mi picchiava perché poteva. Perché avevo bisogno della sua casa e del suo cibo, e della sua cosiddetta cura. Mi picchiava perché sapeva che non mi sarei ribellato.
Sono passato da una famiglia violenta all’altra ed erano tutte uguali: gusto del sangue sulla mia lingua, il suono delle ossa rotte nelle mie orecchie.
Era quella la mano di carte che mi era capitata.
Ma quando finalmente sono riuscito a sfuggire da quel sistema che mi ha lacerato e distrutto, ho dedicato la mia vita a vendicarmi di coloro che avevano alzato le mani su di me, che mi avevano sputato addosso, che mi avevano detto che io ero niente.
Ero pronto a combattere.
L’ambiente in cui mi muovevo mi ricordava costantemente chi fossi e da dove venissi. E l’attività era fiorente.
Poi ho conosciuto Brea. Lei è stata del tutto inaspettata, come un jolly in un mazzo di carte. Potevo percepire il suo passato doloroso, ma ho fatto della sua luce il mio nutrimento. Era la fuga dalle tenebre che mi circondavano. Il mio momento di libertà.
Poi quel momento è finito.

E non appena si è aperta la porta, i miei peggiori incubi erano lì ad aspettarmi. Brea era stata risucchiata dall’ombra della mia distruzione e alla fine aveva visto il mio lato peggiore.

Ecco un libro che mi ha tenuta incollata alla lettura catturando il mio interesse grazie all'alone di mistero che aleggia sin dalle prime pagine. Ogni pagina porta inesorabilmente a continuare la lettura per cercare di scoprire il mistero che lega i due protagonisti.
Trapper..un uomo misterioso con un passato che ha segnato la sua anima.

* Era l'uomo del mistero di cui non sapevo
nulla, e questo lo rese ancora più interessante. "Piacere di conoscerti" mi accorsi che gli stringevo ancora la mano e non volevo lasciare la sua presa. Era calda ma non soffocante,  forte e possente, ma non abbastanza da fare male. Aveva dei tatuaggi viveva in una casa nelle vicinanze e i polpastrelli delle sue dita erano ruvidi. Non sapevo null'altro su di lui. Allora perché sentivo questa intensa attrazione, un'ondata di desiderio e brama di saperne di più?*

Brea..una donna che ha sofferto molto nonostante la giovane età e nonostante tutto il dolore vissuto è riuscita ad andare avanti senza troppo compiangersi.

* Dal momento in cui avevo sentito la voce di Brea, mi ero domandato come sarebbe stato sentirla gemere. Non era una di quelle ragazze magre, con le ossa al posto della carne. Aveva curve da afferrare, un corpo da venerare. Erano però i suoi occhi ad avermi attirato più di tutto. Avevano visto un sacco di dolore, perfino molto di più di ciò che esprimeva il suo tatuaggio. E quando avevo guardato nei suoi occhi, era stato come guardare nei miei.*

Tutto inizia con un invito ad una festa in maschera. L'incontro tra due personalità forti che sin da subito si attraggono come due calamite. È l'inizio di una relazione che parte con del sesso telefonico, che porta inevitabilmente alla curiosità sempre più forte di incontrarsi per realizzare dal vivo tutto il piacere che si scatena attraverso la rete.
Ma, ovviamente, non è tutto così semplice. Intrighi ,mistero e dolore rendono la storia molto curiosa ed accattivante. Finalmente dopo tanto aspettare, i due riescono ad incontrarsi senza maschera. Ed è li che la trama della storia si complica. Fino alla fine non ero certa di cosa mi aspettasse. L'autrice è riuscita a dosare molto bene il mistero e la curiosità che si cela nella narrazione. Non è difficile innamorarsi dei protagonisti, anzi, non c'è stata rivalità tra i due personaggi per me.
La narrazione è molto fluida e corretta. Le scene di sesso sono molto esplicite ma senza essere troppo prolungate rischiando di cadere nel volgare. Oltre la storia intrigante, si tocca un argomento molto delicato che viene trattato con estrema dolcezza e delicatezza. Un racconto che sicuramente metterò tra i miei preferiti. Lo consiglio vivamente a tutti, ma specialmente a chi, oltre alle solite storie d'amore, cerca uno stralcio di vita reale, quella vissuta tra il dolce e l'amaro di tutti i giorni.



Commenti

Post popolari in questo blog

Chiaro di luna a Manhattan (Da Manhattan con amore Vol.6) di Sarah Morgan - Recensione -

Ash di Daniela Ruggero - Recensione in Anteprima -

Impudente e malizioso (Wynette Texas Vol.2) di Susan Elizabeth Phillips - Recensione -