Le Nostre Recensioni

Lettori fissi

Ti sento di Valentina Torchia - Recensione -


Serie: -

Autore: Valentina Torchia

Genere: Young Adult, Romanzi Rosa

Editore: DeA

Amazon


Sinossi


Tutti adorano Edoardo Marconi, il bello della scuola: mascella squadrata, occhi intensi, posa perfino come modello. Lo adora Susanna, la sua ragazza, prima che lui la lasci malamente. Lo adora Vincy, il suo migliore amico, che lo considera quasi un supereroe. E così il resto della scuola. Perché Edoardo non solo è affascinante, ma ha anche qualcosa di unico, che suscita ammirazione negli altri: non è capace di provare dolore. Un superpotere che gli permette di girare a petto nudo in inverno e di non farsi fermare da nessun incidente. Ma questo superpotere in realtà è una malattia. E anche una maledizione, secondo Aurora. Per lei Edoardo non è capace di provare niente. Non le sensazioni, non le emozioni o i sentimenti. E invece Aurora sente così tanto. Sente il divorzio dei genitori; il peso del fallimento del padre; l’amarezza del suo stesso fallimento, quando perde per un soffio il posto da primo violino alla scuola di musica. Perfino la tristezza di Susanna, lasciata da Edoardo. Aurora sente tutto, e tutto si trasforma in una rabbia che alla fine trabocca, con un pugno sul naso del ragazzo.È allora che tutto cambia. Perché, per la prima volta in diciassette anni, Edoardo quel pugno lo sente. Per la prima volta nella sua vita, Edoardo sente qualcosa.





Sedotteeeeeeeee, ecco una chicca per voi!!!!!! Un Young/Adult fantasticooooo!!!

Ho intrapreso questa lettura attratta dalla sinossi, mi chiedevo: wow, cosa ci sarà dietro???

E la risposta è arrivata.

Un romanzo ricco, bello, COMPLETO che brilla di luce propria. Ma bando alle ciance 😂😂 vi faccio viaggiare nel mondo di Aurora e Edoardo....ziiiiiiiii


Edoardo Marconi è un bellissimo ragazzo di 17 anni che frequenta l'ultimo anno di liceo, e ha per miglior amico un ragazzo gay che non smette mai di parlare.

Vive a Milano, la sua famiglia gli sta azzeccata come una cozza...direste: come mai? Perché lui è affetto da una malattia particolare, è immune a ogni dolore fisico ed emotivo. Non prova dolore.

Nella sua vita ricca e sballata, fa di tutto per mettersi in mostra e fidanzarsi con le ragazze più belle, tanto che si scoccia subito dei rapporti creati, a tal punto da dare un due di picche a Susanna, una ragazza totalmente innamorata di lui.

Lui che in amore è una tragedia, incontra per pura vendetta Aurora, pronta a vendicarsi per la sua migliore amica.

Tutto inizia con un pugno in pieno viso, un gesto che Edo non è preparato. Una novità per lui dato che ha sentito  male  e smarrimento per quel colpo ricevuto...ha provato dolore perché Aurora lo colpisce!

Inizia a chiedersi il perché, come può quella ragazza fargli provare dolore ed emozioni? Chi è quella studente?

Aurora è una ragazza con molti problemi, una che si nasconde nel proprio mondo fatto di delusioni e incomprensioni, ma l'unica cosa che la rende viva è il suo amato violino e le note che crea.

I due incamminano  un percorso di domande e curiosità, si avvicinano per capire come può lei rendere vivo ciò che Edo non ha mai provato.

Fra prove, appuntamenti, viaggi e dolcezza, i ragazzi intraprendono una strada per loro sconosciuta. Un legame che crea affinità e unione, un ritrovarsi fra anime perdute.

Ragazzzeeeeeeeee, questo romanzo è bellissimo,  la storia di Edo e Auri è stupenda, li ho vissuti e amati tantissimo. Ho fatto il tifo per loro per tutta la lettura, ma non posso andare oltre, altrimenti vi direi ciò che dovreste capire e leggere in questa romantica storia.

I miei complimenti vivissimi alla scrittrice che mi ha donato una perla di lettura, tanto stupenda che comprerò anche il cartaceo.

A voi Sedotte, vi lascio così:

#Letturaconsigliatadallesedotte!!!🤩


Alla prossima avventura, baci stellari!




Commenti

Post popolari in questo blog

Il segreto del libro proibito di Karen Marie Moning - Recensione -

Forbidden di Daria Torresan e Brunilda Begaj - Recensione -

Aspettando te (Blue Heron Vol. 3) di Kristan Higgins - Recensione -